Tag Archive | India

Il mercato ci cambia la composizione cellulare

Per la gioia dei neoliberali arriva dall’India un esempio del perfetto funzionamento del mercato. I piccoli agricoltori indiani stanno cambiano un fertilizzante costoso per un altro, meno caro. In questo modo riescono a mantenere la raccolta a un livello alto, pagando meno.

Di solito la melodia neoliberal è che quando una risorsa aumenta di prezzo, viene liberato capitale da investire in nuove tecnologie per la produzione. In alternativa, la domanda si abbassa quando il mercato trova un sostituto.

L’articolo originale è del WSJ, ma qualche riga in più si può leggere qua.

 “On his patch of land in eastern India, Mr. Kumar Rai is switching from potash to cheaper crop nutrients, like urea, for his rice, wheat and vegetable crops. “Urea suits me fine now,” he says.”

Continua a leggere…

Combattiamo i BIC

Per fortuna qualcuno ha avuto la prontezza di salvare l’ultimo video della campagna della commissione sovieto-europea, poi subito rimossa dalla commissione perché le persone vere che l’hanno visto hanno reagito con spavento e rabbia, con qualche sprazzo di divertimento.

Il video fa parte della campagna per l’allargamento dell’Europa, ovviamente con l’intento di aggiungere al più presto la Turchia. Così europea, così diversa…

Un’altro ovviamente: Come avrete sicuramente notato, nel video noi europei dobbiamo combattere solo tre dei quattro BRIC. Tra capoeira, kung fu e kalaripayattu manca il kosacco. Perché noi della Russia abbiamo bisogno. Qualsiasi indebolimento monetario dell’euro sforzato dalla nostra cara BCE deve rallentare solo il Brasile, la Cina e l’India, questi grandissimi stronzi che ci hanno rubato la crescita.

 

 

Iran, economia di scambi per necessità o strategia nuova?

Sanzioni sono una spada a doppio taglio. Soprattutto se riguardano un paese del quale si è dipendente per una materia prima come il petrolio.  Ieri il Brent è andato a toccare i 120 dollari.

Intraday una settimana:

Intorno alle 13 il prezzo è schizzato su, per poi oscillare tra 118,50 e 119. Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 59 follower